Il Servizio Nazionale Studi e documentazione sull'ambiente di lavoro (SNS) Centro di ricerca, consulenza e formazione. Si occupa di:

- ergonomia,

- prevenzione e protezione nei luoghi di lavoro,

- organizzazione del lavoro.

Si avvale del contributo della comunità virtuale formata da tutti gli iscritti alla nostra newsletter.

 

Obiettivo: incrementare gli studi e la ricerca nel campo dell'ergonomia, attraverso il coinvolgimento diretto dei lavoratori come metodologia di ricerca e strumento di prevenzione.

 

La newsletter: RSPP (rassegna stampa dedicata ai temi dell'ergonomia e della sicurezza sul lavoro) è un osservatorio sui materiali che vengono pubblicati nei siti internet che si occupano di ergonomia e sicurezza sul lavoro.

Il SNS organizza dibattiti, seminari e convegni on line ed in presenza, coinvolgendo tutti coloro che al sito fanno riferimento; cura e diffonde la raccolta di materiali e documentazione. 


In evidenza

Osservare ed interpretare il lavoro attraverso l'esperienza dei lavoratori

Modelli di intervento e metodologie di analisi dell'organizzazione

La riscoperta di un rapporto dialettico tra il lavoro, con i suoi protagonisti e i suoi problemi, e l'accademia, con le sue teorie e i suoi modelli esplicativi. Il fil rouge che lega i diversi argomenti trattati nel volume è rappresentato dalla proposta metodologica di un modello di analisi ed intervento ergonomico di tipo sociologico-partecipativo, che vuole ridimensionare la figura del tecnico che in questi anni ha assunto un ruolo preponderante. Gli esperti che devono adeguare le aziende alla normativa hanno finito per emarginare i lavoratori che hanno delegato a loro, al legislatore, alla magistratura, la ricerca di soluzione ai problemi presenti nel luogo di lavoro: un ruolo da contestare a favore di una maggiore partecipazione dei lavoratori. La partecipazione che è stata un’aspirazione delle classi lavoratrici per conquistare la propria emancipazione, diventa un bisogno delle organizzazioni per competere nel mercato globale. Ma la ricetta funziona solo se il lavoratore avverte: vero rispetto, vero coinvolgimento, vera responsabilizzazione. Tutelare la salute e la sicurezza dei lavoratori non è solo tutelarne l'integrità fisica ma tener conto anche della personalità morale, della loro dignità, della loro libertà. L’anarchismo metodologico, la valorizzazione dell’osservazione spontanea dei lavoratori per la realizzazione di un documento di valutazione dei rischi soggettivo, la centralità dei rischi organizzativi sono alcuni degli elementi originali che definiscono il modello epistemologico.

Per acquisti ed informazioni


Salvami
Realizzato da Stefano Ostoni, dirigente FIM CISL di Milano. Dal sito web safewalking.it


Morti bianche

"Chiamatele pure morti bianche.

Ma non è il bianco dell’innocenza

non è il bianco della purezza

non è il bianco candido di una nevicata in montagna.

E’il bianco di un lenzuolo, di mille lenzuoli che ogni anno coprono sguardi fissi nel vuoto occhi spalancati dal terrore dalla consapevolezza che la vita sta scappando via.

Un attimo eterno che toglie ogni speranza l’attimo di una caduta da diversi metri dell'esalazione che toglie l’aria nei polmoni del trattore senza protezioni che sta schiacciando dell’impatto sulla strada verso il lavoro del frastuono dell’esplosione che lacera la carne di una scarica elettrica che paralizza il cuore.

E’ un bianco che copre le nostre coscienze e il corpo martoriato di un lavoratore E’ il bianco di un tramonto livido e nebbioso di una vita che si spegne lontana dagli affetti di lacrime e disperazione per chi rimane.

Anche quest’anno oltre mille morti

vite coperte da un lenzuolo bianco.

Bianco ipocrita che copre sangue rosso

e il nero sporco di una democrazia per pochi.

Vite perse per pochi euro al mese

da chi è spesso solo moderno schiavo."

Carlo Soricelli